Cuori di Zia Ale, ciao.

Spunto nel cuore della settimana - che si spera volga presto al termine perchè ho profondamente bisogno di weekend - per parlarvi di una novità che mi ha entusiasmata e che, quindi, desidero condividere con voi.

Che io sia una patita di tutti i prodotti Caudalie vi è noto da tempo, e sapete anche che ogni volta che esce qualcosa di nuovo, mi fiondo per testare e farvi sapere. Non c’è niente da fare ragazze, quest’azienda mi ha conquistata quasi quanto la birra Ichnusa non filtrata (ho detto quasi :)) e i nuovissimi balsami labbra, sono la dimostrazione pratica che Caudalie non sbaglia un colpo. 



Come sapete quest'azienda è da sempre attenta alla composizione di ogni suo prodotto. Quindi sappiatelo: petrolati, siliconi, parabeni, sono totalmente bannati, e menomale. 
Anche nel caso dei French Kiss più del 97% degli ingredienti utilizzati sono naturali. I polifenoli antiossidanti contenuti in ogni balsamo, combattono l’invecchiamento cutaneo, ed è così che nasce un prodotto che sì. colora le nostre labbra, ma contemporaneamente le idrata, protegge, rigenera.  

Le tonalità disponibili sono 3: InnocenceSeductionAddiction. Piacevolissimi da applicare, hanno un finish lucido e fragranze fruttate - vaniglia e arancia, vaniglia, sciroppo di frutti rossi - che fanno davvero gola. 





Il mio preferito è sicuramente il primo, probabilmente perché sono una fan sfegatata dei colori naturali che riesco a portare in ogni occasione (dovrei osare di più con il rosso, lo so, ma ogni volta mi sento troppo Jessica Rabbit senza tette e lo mollo lì).  
Sto utilizzando Innocence da circa 4 giorni e, credetemi - altrimenti non sarei qui a scriverne - ho già notato degli ottimi risultati; sono tornata dalle ferie in Sardegna con le labbra devastate, secche e screpolate, complice il vento di tramontana che ci ha fatto compagnia per diversi giorni. Oggi le ritrovo già morbidissime e totalmente prive di pellicine, cosa che non accadeva da un bel pò e nonostante l'utilizzo di diversi scrub dedicati. 

Il prezzo dei French Kiss è di 11,80 € a confezione, e direi che non mi sconvolge visti gli ingredienti, i risultati e il quantitativo di ogni confezione che secondo me può durare un mesetto e più. Potete acquistarli sia sul sito Caudalie che in tutte le migliori farmacie.

Ora vi lascio biddazze di zia; vado a preparare una torta di mele perché ho bisogno di zuccheri che plachino la malinconia degli ultimi giorni. 


A presto! 






Sono mesi che non aggiorno questa mia creatura e mi dispiace tantissimo. Tra lavoro, vita privata e social network - che potrà sembrare assurdo, ma occupano grandissima parte del mio tempo - spesso mettersi a tavolino per fare quello che amo di più, cioè scrivere, risulta difficile come imbattersi nella faccia di Barbara d'Urso senza traccia di botox.
Oggi ho deciso di ritagliare del tempo per farlo - in verità mentre inizio a scrivere sono le 2 del mattino, ma questo per voi è irrilevante, un pò meno per le mie zampe di gallina - perché desidero parlarvi dettagliatamente della mia esperienza con la Bikini Body Guide di Kayla in concomitanza con l'incontro tra la sottoscritta e quella che è diventata la mia nutrizionista. 



Giornalmente, siete sempre in tantissime a chiedermi come mi sono trovata con la prima, e per quale ragione ho deciso di affidarmi alla seconda, quindi eccomi qui, pronta a rispondere a tutte le domande che mi avete posto in questi mesi tramite social, mail e segnali di fumo e con la speranza che la mia esperienza possa essere utile a tutte voi.

Inutile rivangare il mio passato; chi mi conosce da tempo è a conoscenza dei problemi ho avuto con il cibo, quindi in molte sapete già che non sono mai stata una da diete ferree perchè mi fanno sentire come in gabbia. È anche vero che negli ultimi anni sono cambiata, probabilmente migliorata, e a gennaio, dopo mesi di fancazzeggio, di barattoli di Nutella vuoti, arancine, cannoli, e lattine di birra bevute senza alcun tipo di contegno - manco mi stessi preparando per la sagra del rutto libero e spudorato - ho deciso di affidarmi ad una nutrizionista che mi aiutasse a riportare il mio colesterolo e i miei trigliceridi a dei valori che si avvicinassero al decente.
Sì, perché, parliamoci chiaro, qui non si tratta solo di avere il culo sodo, l'addome definito e dimagrire. Il punto principale è sempre la salute, e con quella non bisogna scherzare, mai. Fatevelo dire da una povera scema che in passato si è divertita tantissimo a provocarla; pagandone ancor oggi tutte le conseguenze di questa strafottenza.


Ho trovato la nutrizionista alla quale affidarmi nel modo più facile che esista: Santo Google da Ricerca disperata. Dire che sono stata decisamente fortunata è riduttivo - giusto per sfatare il mito del maiunagioia - perché ho trovato al primo colpo una professionista attenta, valida, disponibile.
Silvia (Cremonti, facciamole pubblicità perché se lo merita davvero) dopo avermi sottoposta ad un esame accurato ed essersi informata sul mio stile di vita e le mie esigenze, ha creato per me un piano nutrizionale su misura, da farmi seguire fino all'obiettivo finale prestabilito. Oggi sono 7 mesi che seguo i suoi consigli, e oltre a essere tornata in buona forma fisica, sono in salute come quando avevo 19 anni - esami del sangue miei testimoni - e direi non male per una quasi trentacinquenne come me.


All'alimentazione controllata - con ovviamente tanto di sabato sera e domenica liberi perché il weekend è sacro e non ho testa di avere "limiti" né di rinunciare alla mia pizza con Nutella e mascarpone o a del buon vino - ho abbinato 2 giri e mezzo di Bikini Body Guide, il piano di allenamento creato da quella bastarda, sadica, malefica Satana, Shining, Misery non deve morire, di nome Kayla Itsines - ottenendo, a dire il vero, risultati molto soddisfacenti e già dalle prime settimane, motivanti. 

Perché vi racconto tutto questo? In primis perché in questo modo, da oggi in poi, quando mi chiederete delucidazioni in merito, potrò rimandarvi a questo post - sono furba eh!? - in secondo luogo perché mi preme dirvi una, anzi, sento la necessità di dirvi due cose per me importantissime.


La prima: l'attività fisica è fondamentale, sempre.
Ci mantiene in salute e fa bene alla mente, al cuore e all'anima. Non è necessario spaccarsi di palestra 3 ore al giorno, basta semplicemente muoversi un po'; camminare, correre, fare un po' di cyclette, cercare dei video di aerobica su YouTube e seguirli anche a casa (ne esistono di ogni tipo e per ogni tipo di persona).
Il tempo si trova, il resto è solo fuffa, anche perché, credetemi, bastano anche solo 30 minuti al giorno; dedicati a noi, per noi, per il nostro bene, e ovviamente senza stress, ansie, ossessioni o "fanatismo" da fitness - che Dio me ne scapi e liberi! Può avere riscontri negativi quanto la pigrizia estrema. Sono gli eccessi che fanno male, tenetelo sempre a mente.

La seconda: se pensate di dover perdere del peso in eccesso perché pericoloso per la vostra salute, non dovete affidarvi a the, beveroni, pasti sostitutivi venduti a caro prezzo su internet. Cioè, parliamoci chiaro; ci può anche stare che si decida di provare determinati prodotti, ma senza credere che siano miracolosi come il Sangue di San Gennaro.
La verità è solo una: quando si pensa di voler dare una sferzata di questo tipo alla propria vita, il primo passo è quello di affidarsi a un professionista che ci aiuti a stare meglio, ma soprattutto che ci insegni a mangiare come Dio comanda. Perché rigà, parliamoci chiaro e senza mezze parole: uccidersi di drenanti, integratori e sticazzi senza muovere le chiappe, ma soprattutto, senza comprendere minimante cosa sia corretto mangiare per mantenerci in salute non è solo stupido, ma anche nocivo e dispendioso. Capì? Ok. 



Detto questo, vi lascio con il mio prima e durante Kayla in modo che possiate farvi un'idea del cambiamento che ho affrontato insieme al mio corpo/mente in questi mesi.
Non vi darò le mie misure, il peso e tutti quei dati che solitamente si sottolineano in questi casi perchè odio bilancia e confronti numerici e non (questa foto è qui solo perché desidero che abbiate un'idea dei risultati che ho ottenuto, ma ammetto sinceramente che la cosa m'imbarazza abbastanza.)




Arriviamo al dunque - belìn! La vecchiaia mi sta facendo diventare davvero prolissa.

Se vi consiglio la Bikini Body Guide? Sì! Sì! E ancora sì! Perché allenamento che cambia la routine giornaliera in positivo - anche delle più sedentarie - perché se svolta con costanza e presa sul serio dona risultati notevoli, e soprattutto perché migliora l'umore e lo stile vita di chiunque la intraprenda. Vi ho convinte?

Se siete interessate a seguire questo percorso, vi rimando all'articolo che scrissi qualche mese fa (qui il link diretto) con all'interno le spiegazioni - scritte un po' come se maggna -  più o meno chiare anche per le meno ferrate "in materia".



Un ultima cosa: vogliatevi bene cuori di Zia Ale, sempre! 

Un abbraccio e a presto, nel frattempo ci si legge tra Instagram e Facebook. 


Da quando un mesetto fa ho ripreso gli allenamenti con la Bikini Body Guide di Kayla Itsines, sono stata letteralmente sommersa di richieste di delucidazioni in merito. Allora, visto che voi siete sempre di più e che la vostra zia Ale è sempre più rimbambita, ho deciso di creare una nuova guida aggiornata, riprendendo quello che scrissi un paio di anni fa, ma con qualche piccola novità. 

Allora; se ho deciso di buttarmi di nuovo su questo allenamento è perché nel 2015 mi ha dato risultati totalmente inaspettati. Ho perso peso, tonificato, ho tirato su chiappe, ma soprattutto è diventata una routine anti-stress, il pungiball perfetto per scaricare la tensione delle mie giornate. 

Veniamo al dunque.

Kayla è una personal trainer australiana, ha creato questa guida con l'intento di permettere a qualsiasi donna di avvicinarsi all'attività fisica, superare barriere e limiti e ovviamente rimettersi in forma grazie a 30/40 minuti di allenamento giornaliero. Occhio! Non è tutto rose e fiori. La BBG è un allenamento veramente tosto, non adatto a chi non ha mai praticato sport e nemmeno a chi è fermo da parecchio tempo. È certo però che con un'adeguata fase di pre-training, avendo cura di eseguire correttamente gli esercizi e ascoltando i propri ritmi, vi sarà possibile riuscire a seguire questo percorso che, garantisco, vi donerà risultati veramente incredibili.

Dove acquistarla? Scegliere l'e-book o l’applicazione?

Partiamo da questo presupposto; a meno che non siate già molto allenate, consiglio a ognuna di voi di fare le 4 settimane di pre-allenamento - e anche di più, a seconda dei casi. 

Nel 2015 ho acquistato la guida direttamente dallo shop di Kayla, oggi costa 49,95 euro.  Inoltre, adesso abbiamo anche la possibilità di scegliere l’applicazione da installare su smartphone o tablet: Sweat by Kayla è infatti disponibile disponibile sia su App Store che Play Store.

Molte di voi avranno notato seguendo le mie Ig Stories che in questa nuova fase sto utilizzando proprio la seconda opzione; costa 19,99 € al mese, contiene tutte le sue guide – partendo dal pre-training - e oggi, dopo averla testata per più di un mese, sento di consigliarvela per svariati motivo. L'app tiene conteggio di tutti i vostri allenamenti, quelli svolti e quelli da svolgere, vi cronometra durante, se collegata al contapassi del telefono vi dice anche quanto vi siete mosse, potete  inserire i litri d’acqua bevuti oltre che i progressi fotografici, scattando la foto del vostro prima e quella che vi farete alla fine del vostro percorso. Insomma, la trovo molto motivazionale. 

N.B. Durante il periodo di BBG, prendete la bilancia e buttatela dalla finestra - avendo cura che sotto non ci sia nessuno - perché il numero che vedrete le prime settimane potrebbe smorzare il vostro entusiasmo a causa di possibile e normalissima ritenzione liquidi, oltre che nuova massa magra. Quindi, i progressi li andrete a misurare con un metro e una fotocamera; il primo giorno, proprio quando inizierete, scattate una foto, poi prendete la circonferenza del punto vita, dei fianchi, delle cosce e confrontate questi numeri dopo la sesta settimana di BBG; periodo in cui inizierete a vedere risultati più che evidenti.






All’interno dell’app, troverete anche il piano nutrizionale consigliato da quella bella stella di Kayla ma sconsigliato dalla sottoscritta; in primis perché quello che mangia Kayla in Australia non si avvicina minimamnete alla nostra meravigliosa e invidiatissima dieta mediterranea, ma soprattutto perchè ognuna di noi ha un corpo, un metabolismo, una salute diversa dall’altra. Se volete dimagrire o se semplicemente volete abbinare un’alimentazione corretta, sana, a questo tipo di allenamento o a quasiasi altro tipo di attività fisica, affidatevi a un bravo nutrizionista.

IMPORTANTE: do per scontato che ognuna di voi segua  un’alimentazione varia, che comprende carboidrati, proteine, vitamine, grassi, minerali, fibre. Con questo intendo dire che se non mangiate o mangiate meno di quanto dovreste, rischierete, durante gli allenamenti, di sbattere con la faccia per terra causa calo di zuccheri. Ok? Ok. Donne avvisate, donne salvate.


A casa o in palestra?

Per svolgere la Bikini Body Guide non è necessario iscriversi in palestra. Volendo potete fare come me, scegliendo di allenarvi comodamente a casa. Ovviamente bisogna avere a disposizione un po’ di spazio e procurarsi gli attrezzi richiesti.  


Munitevi di cronometro – potete utilizzare quello del telefono oppure quello dell’app di Kayla. 
Pesetti – per iniziare vanno bene anche delle bottiglie piene da 1,5 litri di acqua.
Tappetino per addominali e flessoni.
2 panche piane – sostituibili con delle sedie le prime settimane.
Step o qualcosa di similare come un gradino.
Corda per saltare - ma io lo faccio tranquillamente senza. 
Aggiungiamo una meravigliosa palla medica da 3/6 kg e la bosu ball che ancora non ho acquistato per presa di posizione visto che costa – detta giovane – un botto.

Se deciderete di acquistare le singole guide, troverete ogni esercizio spiegato in inglese e, onde evitare di sbagliare i movimenti e farvi male, vi consiglio di guardare l’esecuzione corretta su Youtube – basta che scriviate sull’apposito spazio di ricerca il nome dell’esercizio che vi mette in crisi, per poi selezionare uno dei mille tutorial dimostrativi che vi mostreranno come eseguire correttamente il tutto.

Per quanto riguarda l’app, troverete le spiegazioni di ogni esercizio anche in italiano, ed avrete inoltre la possibilità di selezionare la modalità video da utilizzare durante gli allenamenti. A parer mio molto comodo.



Veniamo al lato pratico della Bikini Body Guide 1.

Come e quando? 

Questo allenamento si basa sulla resistenza e sull’attività cardio. Si suddivide in 12 settimane composte da un mix coinvolgente di pura fatica e godimento. Si inizia con 5/10 minuti di riscaldamento, per poi buttarsi sulla scheda giornaliera composta da due circuiti. Ci si allena costantemente per tutta la settimana suddividendola in giorni di circuito, giorni di LISS cioè cardio a bassa intensità – come la camminata veloce - e aggiunta di HIIT (cardio ad alta intensità) nelle ultime settimane -  10/15 minuti di corsa suddivisa in 30 secondi al massimo e 30 a riposo e così via.

IMPORTANTE: LISS e HIIT non devono mai essere eseguite poco prima o poco dopo la sessione di resistenza.

La camminata veloce (LISS) è prevista già dalla prima settimana e il numero di volte varia a seconda delle settimane di allenamento, quindi;

-   dalla settimana  1 alla 4, va praticata tre volte;
-   dalla 5 alla 8 va eseguita quattro volte;
-   dalla 9 alla 12 si torna a tre volte.

La corsa a scatti (HIIT) – in grazia di Dio – va eseguita solo dalla settimana 9 alla 12 per uno, due volte a settimana.

IMPORTANTE: HIIT non deve essere mai eseguita nello stesso giorno in cui vi allenate con il circuito. 

ATTENZIONE: la camminata veloce può essere tranquillamente sostituita con 40 minuti di step, cyclette, ellittica, e l’animadelimortaccidelcardio. Basta che vi muoviate! :D



I circuiti resistenza

Per le prime 8 settimane andranno svolti tre volte, cioè lunedì, mercoledì, venerdì.

Dalla settimana 9 alla 12 andrà aggiunto un quarto giorno; le schede a disposizione rimarranno sempre tre, ma potrete decidere di ripetere la preferita della settimana in questione, quella che va a lavorare sul punto debole o meglio ancora, sulla total body. Mi raccomando, non dimenticate la fondamentale sessione di stretching una volta a settimana; io ne eseguo 5/10 minuti alla fine di ogni circuito.




Ricapitolando: 

SETTIMANE 1-4

2-3 sessioni di allenamento di resistenza
2-3 sessioni di LISS cardio training
1 sessione di stretching

SETTIMANE 5-8

2-3 sessioni di allenamento di resistenza
4-5 sessioni di LISS cardio training
1 sessione di stretching

SETTIMANE 9-12

3-4 sessioni di allenamento di resistenza
2-3 sessioni di LISS cardio training
1-2 sessioni di HIIT cardio training

O meglio:








Il circuito.

Tenetevi pronte perchè qui c'è da non capire una fava :)

Quindi, ogni scheda giornaliera – lunedì, mercoledì e venerdì – è composta da 2 circuiti composti da 4 esercizi ciascuno che andranno eseguiti in non più di 7 minuti totali – se terminate prima il circuito, dovrete riprendere da capo fino allo scadere dei 7 minuti – al termine del circuito potrete riposarvi dai 30 ai 90 secondi (nell'app ne lascia solo 30, 'sta bastarda) dopodiché inizierete il secondo circuito per altri 7 minuti. 

Ogni circuito andrà ripetuto 2 volte, per un totale di 7 + 7 del primo e 7 + 7 del secondo = 28 minuti di allenamento.

NON è UNA SUPERCAZZOLA, GIURO :D


Come vi dicevo prima, alla fine di ogni allenamento vi  consiglio 5/10 minuti dedicati allo stretching, questo onde evitare di andare in giro su una carriola il giorno dopo.

Non fatevi prendere da attacchi isterici se le prime volte non riuscirete ad eseguire perfettamente gli esercizi, anzi! E’ praticamente impossibile riuscire da subito a fare tutto bene – a meno che non siate nipoti di Wonder Woman.

A parte gli scherzi, durate le prime settimane di pre-training ho avuto dei problemi nell’esecuzione di alcuni movimenti – tipo le flessioni – e nella carenza di fiato, ma non mi sono scoraggiata, anzi, giorno dopo giorno mi sono resa conto di avere sempre più forza fisica per andare avanti. Ah! Tenete a portata di mano una bottiglietta d’acqua e quando necessario bevete a piccoli sorsi.

In conclusione.

Qui vi ho spiegato bene la Bikini Body Guide 1. Se deciderete di acquistare l’e-book e mettere da parte l’app, potrete comunque ripeterla tranquillamente più volte, ovviamente calcolando una settimana di rest – pausa – tra la fine delle prime 12 settimane e l’inizio delle successive.

Per quanto riguarda la Bikini Body Guide 2, non so ancora molto perché non l’ho mai “testata”, ma avendo l’app a disposizione, con la successione di settimane, sicuramente proverò e prossimamente vi saprò dire.
Quello che mi preme dirvi, che penso con il cuore e che vorrei che tutte voi vi ficcaste nella testa è che non importa quale allenamento, se BBG o Zumba in palestra, la cosa importante è  muoversi, fare attività fisica, staccare il culo dal divano e smettere di essere sedentarie. Quindi andate in bici, fate delle belle passeggiate con il vostro cane, pattinate sul lungomare o sul ghiaccio, ma muovetevi!


Fa bene al corpo, ma soprattutto all’anima.

Vi stritolo.


Alla prossima
Copyright © 2013 Crinzieacapo by Alessandra Crinzi. All rights reserved . Powered by Blogger.

Categories

Translate