Il giorno della consapevolezza.

/
0 Comments

Ormai credo abbiate compreso che in questo blog non si parla solo di capi alla moda, ma anche - e soprattutto - delle meravigliose creature che i vestiti li indossano. Probabilmente vi annoierò, probabilmente no, ma io non riesco a limitarmi negli argomenti e se posso trattare temi d'attualità, che riguardano singolarmente ognuna di noi, lo faccio con vero piacere. Mettiamola così, questo è il mio "life style" e spero che vi sia gradito.

Oggi, 25 Novembre 2013, è un giorno molto importante perché "giornata internazionale contro la violenza sulle donne". Esprimersi su un argomento di tale portata - per me, per molte, probabilmente per tutte - è parecchio difficile, per questo, nel momento in cui ho pensato a questo post, ho anche deciso di lasciarlo scrivere al mio cuore.

Quando si parla di violenza sulle donne, è molto importante essere consapevoli che un uomo che maltratta una donna non si può definire tale, ma non dev'essere nemmeno chiamato 'bestia', perché le bestie - non mi stancherò mai di dirlo - sono meglio di ogni essere umano in genere, figuriamoci se messi a paragone con queste persone. Un uomo che maltratta fisicamente e psicologicamente la sua compagna di vita, non è un uomo che prova un sentimento puro come l'amore - eh no care mie! Non vi ama, anche se vuole farvelo credere e spesso, ahimè, ci riesce pure - molto probabilmente è una persona con gravi problemi psicologici, che vede la sua donna come "una cosa" e per questo motivo, prova solo  ed esclusivamente un forte senso di possesso nei suoi confronti; sia chiaro, l'amore ed il possesso non possono convivere e se qualcuno vuole farvi credere il contrario, allontanatelo dalla vostra vita, immediatamente. Infine, un uomo di questo tipo, purtroppo, può anche privarci del bene più prezioso del quale siamo in possesso, la nostra esistenza.

Purtroppo non è un film, è vita, accade un giorno sì e uno no e se tra di voi c'è anche solo una donna che subisce maltrattamenti, io non posso che dirle di smettere di volersi così male e di scappare, scappare via dal l'orrore che giornalmente è costretta a vivere. Ci vuole coraggio per farlo, ma mai più di quello che serve per subire violenza ogni singola ora della propria vita. 


Oggi, durante questa giornata particolare, indossiamo un nastro rosso; è un modo per sentirci più unite e vicine, in memoria di tutte le vittime di uno dei "fenomeni" più raccapriccianti mai esistiti al mondo e con la speranza che piano, piano, smetteremo di sentir parlare di vittime, ma solo di donne che ne sono uscite. 



Un abbraccio a tutte voi. 


You may also like

Nessun commento:

Copyright © 2013 Crinzieacapo by Alessandra Crinzi. All rights reserved . Powered by Blogger.

Post in evidenza

I prodotti per capelli che mi hanno convinta a provare l'ecobio

Non so bene come e quando sia iniziata questa "fissa", sta di fatto che da un giorno all'altro mi sono ritrovat...

La mia rubrica su Il corriere della città

La mia rubrica su                 Il corriere della città
Crinzieacapo

Categories

Translate

About

authorMunere veritus fierent cu sed, congue altera mea te, ex clita eripuit evertitur duo. Legendos honestatis ad mel. Legendos honestatis Munere veritus fierent cu sed, congue altera mea te, ex clita eripuit.
Learn More →


Popular Posts