Dolce&Gabbana Vs Elton John, la guerra in vitro nel web

/
0 Comments




È proprio vero, alcuni giornalisti pur di far notizia sarebbero capaci di plasmare anche il Padre nostro facendoci credere che non è nei cieli, ma a Milano, in Corso Buenos Aires, da Zara. Comunque, visto che mi sono stufata dei passaparola, curiosa come una scimmia e dopo aver sentito parlare per giorni dell’intervista scandalo fatta a Dolce&Gabbana, ho acquistato Panorama e l’ho letta per intero, rendendomi immediatamente conto che, come al solito, ci si è concentrati solo su cinque righe di centocinquanta, tralasciando tutto il resto, magari rilevante, magari no, al fine della comprensione totale del punto di vista altrui, che rimane condivisibile o meno, ma pur sempre un’opinione personale. In sintesi quello che ha scatenato il putiferio: Domenico Dolce si dichiara contrario alla procreazione in vitro utilizzando dei termini che effettivamente possono essere considerati tosti: “figli sintetici, uteri in affitto, genitori scelti da un catalogo”; m’è venuto subito in mente il Postal Market. Motiva il suo parere sostenendo che gli psicologi non sono ancora in grado di affrontare gli effetti di questa sperimentazione e che in un futuro un bimbo in vitro potrebbe anche chiedersi chi è realmente la sua mamma biologica. Alla domanda “Avreste voluto essere padri?” Stefano risponde sì, Domenico risponde il contrario. Motiva sostenendo che è giusto privarsi di qualcosa, ma soprattutto pensa che la vita abbia un suo percorso naturale e certe cose non vadano modificate, tra queste la famiglia. 

Dopo aver letto i titoli sul web, i relativi commenti del popolo imbestialito e non, e dopo aver chiesto parere a persone che conosco, sono arrivata ad alcune conclusioni che mi fa piacere condividere con voi. In primis e a prescindere da questo caso, esistono dei giornalisti che meriterebbero di lavorare solo con la D’Urso o al massimo come inviati in spiaggia per il solito servizio annuale di Studio Aperto sulla tonicità/flaccidità dei culi degli italiani. Spesso m’imbatto in titoli che corrispondono solo in parte agli articoli che vanno a rappresentare e molti professionisti del campo – purtroppo – si caratterizzano per la totale incapacità di inserire le frasi all’interno dei contesti che le hanno messe al mondo , spinti solo dal “far notizia a tutti i costi”, o nel caso web, dall’accumulare click, visualizzazioni, mi piace e bla, bla, bla. 

Dati di fatto: a quanto pare a Stefano Gabbana piacerebbe avere un figlio, forse due, a Domenico Dolce fottesega. Si sono lasciati da anni, ma rimangono legati da forte sentimento che li vede ancora complici, colleghi e grandi amici. Rapporto invidiabile, senza ombra di dubbio. Personalmente il mio ex non lo sento nemmeno per gli auguri di Natale – al pensiero mi viene l’orticaria – figuriamoci se dovessi lavorarci a stretto contatto. 
Elton John, dopo aver letto l’intervista, ha scatenato l’inferno, gli è presa una carogna che nemmeno Jack Nicholson in Shining, e s’è arruolato nell’Isis, questo perché ha visto definire i suoi figli “sintetici”. Da qui nasce la creazione dell’hashtag #boycottDolce&Gabbana che sinceramente mi ha fatto morire dal ridere perché il 40% della popolazione mondiale, al massimo, #buyH&Mclothes, l’altro 40% non ha né mutande né lacrime per piangere e solo il restante 20 % può permettersi di acquistare un ombrello da 595 euro. Sì, avete letto bene; ombrello = tanti soldi (vedi shop online della firma in questione). 
Dopo ciò, Stefano Gabbana ha risposto impulsivamente ad Elton dandogli del fascistone – facendo drizzare le orecchie al cadavere di Mussolini e anche a Forza Nuova che per l’occasione ha regalato ad entrambi gli stilisti una tessera ad honorem – e creando di conseguenza l’hashtag #boycottEltonJohn, che, pensavo, potremmo prendere per buono e utilizzare anche in Italia; dopo Sanremo avrei qualche nome da suggerirvi. Se avete bisogno sapete dove trovarmi. In conclusione: pare che in questi giorni la disoccupazione giovanile italiana non sia diminuita, che al Governo siano sempre presenti i non eletti che decidono per noi – e pure male – e che quella di D&G, voluta o meno, potrebbe risultare una delle campagne pubblicitarie più riuscite degli ultimi dieci anni. 

Che sia bene o male, l’importante è che se ne parli, ma a parte questo, pensavo: a Gennaio non eravamo tutti Charlie? 

Alla prossima.






- See more at: http://www.ilcorrieredellacitta.com/ultime-notizie/dolcegabbana-vs-elton-john-la-guerra-in-vitro-nel-web.html#sthash.565DXRp9.dpuf


You may also like

Nessun commento:

Copyright © 2013 Crinzieacapo by Alessandra Crinzi. All rights reserved . Powered by Blogger.

Post in evidenza

I prodotti per capelli che mi hanno convinta a provare l'ecobio

Non so bene come e quando sia iniziata questa "fissa", sta di fatto che da un giorno all'altro mi sono ritrovat...

La mia rubrica su Il corriere della città

La mia rubrica su                 Il corriere della città
Crinzieacapo

Categories

Translate

About

authorMunere veritus fierent cu sed, congue altera mea te, ex clita eripuit evertitur duo. Legendos honestatis ad mel. Legendos honestatis Munere veritus fierent cu sed, congue altera mea te, ex clita eripuit.
Learn More →


Popular Posts