I miei risultati con la Bikini Body Guide di Kayla Itsines

/
0 Comments






Sono mesi che non aggiorno questa mia creatura e mi dispiace tantissimo. Tra lavoro, vita privata e social network - che potrà sembrare assurdo, ma occupano grandissima parte del mio tempo - spesso mettersi a tavolino per fare quello che amo di più, cioè scrivere, risulta difficile come imbattersi nella faccia di Barbara d'Urso senza traccia di botox.
Oggi ho deciso di ritagliare del tempo per farlo - in verità mentre inizio a scrivere sono le 2 del mattino, ma questo per voi è irrilevante, un pò meno per le mie zampe di gallina - perché desidero parlarvi dettagliatamente della mia esperienza con la Bikini Body Guide di Kayla in concomitanza con l'incontro tra la sottoscritta e quella che è diventata la mia nutrizionista. 



Giornalmente, siete sempre in tantissime a chiedermi come mi sono trovata con la prima, e per quale ragione ho deciso di affidarmi alla seconda, quindi eccomi qui, pronta a rispondere a tutte le domande che mi avete posto in questi mesi tramite social, mail e segnali di fumo e con la speranza che la mia esperienza possa essere utile a tutte voi.

Inutile rivangare il mio passato; chi mi conosce da tempo è a conoscenza dei problemi ho avuto con il cibo, quindi in molte sapete già che non sono mai stata una da diete ferree perchè mi fanno sentire come in gabbia. È anche vero che negli ultimi anni sono cambiata, probabilmente migliorata, e a gennaio, dopo mesi di fancazzeggio, di barattoli di Nutella vuoti, arancine, cannoli, e lattine di birra bevute senza alcun tipo di contegno - manco mi stessi preparando per la sagra del rutto libero e spudorato - ho deciso di affidarmi ad una nutrizionista che mi aiutasse a riportare il mio colesterolo e i miei trigliceridi a dei valori che si avvicinassero al decente.
Sì, perché, parliamoci chiaro, qui non si tratta solo di avere il culo sodo, l'addome definito e dimagrire. Il punto principale è sempre la salute, e con quella non bisogna scherzare, mai. Fatevelo dire da una povera scema che in passato si è divertita tantissimo a provocarla; pagandone ancor oggi tutte le conseguenze di questa strafottenza.


Ho trovato la nutrizionista alla quale affidarmi nel modo più facile che esista: Santo Google da Ricerca disperata. Dire che sono stata decisamente fortunata è riduttivo - giusto per sfatare il mito del maiunagioia - perché ho trovato al primo colpo una professionista attenta, valida, disponibile.
Silvia (Cremonti, facciamole pubblicità perché se lo merita davvero) dopo avermi sottoposta ad un esame accurato ed essersi informata sul mio stile di vita e le mie esigenze, ha creato per me un piano nutrizionale su misura, da farmi seguire fino all'obiettivo finale prestabilito. Oggi sono 7 mesi che seguo i suoi consigli, e oltre a essere tornata in buona forma fisica, sono in salute come quando avevo 19 anni - esami del sangue miei testimoni - e direi non male per una quasi trentacinquenne come me.


All'alimentazione controllata - con ovviamente tanto di sabato sera e domenica liberi perché il weekend è sacro e non ho testa di avere "limiti" né di rinunciare alla mia pizza con Nutella e mascarpone o a del buon vino - ho abbinato 2 giri e mezzo di Bikini Body Guide, il piano di allenamento creato da quella bastarda, sadica, malefica Satana, Shining, Misery non deve morire, di nome Kayla Itsines - ottenendo, a dire il vero, risultati molto soddisfacenti e già dalle prime settimane, motivanti. 

Perché vi racconto tutto questo? In primis perché in questo modo, da oggi in poi, quando mi chiederete delucidazioni in merito, potrò rimandarvi a questo post - sono furba eh!? - in secondo luogo perché mi preme dirvi una, anzi, sento la necessità di dirvi due cose per me importantissime.


La prima: l'attività fisica è fondamentale, sempre.
Ci mantiene in salute e fa bene alla mente, al cuore e all'anima. Non è necessario spaccarsi di palestra 3 ore al giorno, basta semplicemente muoversi un po'; camminare, correre, fare un po' di cyclette, cercare dei video di aerobica su YouTube e seguirli anche a casa (ne esistono di ogni tipo e per ogni tipo di persona).
Il tempo si trova, il resto è solo fuffa, anche perché, credetemi, bastano anche solo 30 minuti al giorno; dedicati a noi, per noi, per il nostro bene, e ovviamente senza stress, ansie, ossessioni o "fanatismo" da fitness - che Dio me ne scapi e liberi! Può avere riscontri negativi quanto la pigrizia estrema. Sono gli eccessi che fanno male, tenetelo sempre a mente.

La seconda: se pensate di dover perdere del peso in eccesso perché pericoloso per la vostra salute, non dovete affidarvi a the, beveroni, pasti sostitutivi venduti a caro prezzo su internet. Cioè, parliamoci chiaro; ci può anche stare che si decida di provare determinati prodotti, ma senza credere che siano miracolosi come il Sangue di San Gennaro.
La verità è solo una: quando si pensa di voler dare una sferzata di questo tipo alla propria vita, il primo passo è quello di affidarsi a un professionista che ci aiuti a stare meglio, ma soprattutto che ci insegni a mangiare come Dio comanda. Perché rigà, parliamoci chiaro e senza mezze parole: uccidersi di drenanti, integratori e sticazzi senza muovere le chiappe, ma soprattutto, senza comprendere minimante cosa sia corretto mangiare per mantenerci in salute non è solo stupido, ma anche nocivo e dispendioso. Capì? Ok. 



Detto questo, vi lascio con il mio prima e durante Kayla in modo che possiate farvi un'idea del cambiamento che ho affrontato insieme al mio corpo/mente in questi mesi.
Non vi darò le mie misure, il peso e tutti quei dati che solitamente si sottolineano in questi casi perchè odio bilancia e confronti numerici e non (questa foto è qui solo perché desidero che abbiate un'idea dei risultati che ho ottenuto, ma ammetto sinceramente che la cosa m'imbarazza abbastanza.)




Arriviamo al dunque - belìn! La vecchiaia mi sta facendo diventare davvero prolissa.

Se vi consiglio la Bikini Body Guide? Sì! Sì! E ancora sì! Perché allenamento che cambia la routine giornaliera in positivo - anche delle più sedentarie - perché se svolta con costanza e presa sul serio dona risultati notevoli, e soprattutto perché migliora l'umore e lo stile vita di chiunque la intraprenda. Vi ho convinte?

Se siete interessate a seguire questo percorso, vi rimando all'articolo che scrissi qualche mese fa (qui il link diretto) con all'interno le spiegazioni - scritte un po' come se maggna -  più o meno chiare anche per le meno ferrate "in materia".



Un ultima cosa: vogliatevi bene cuori di Zia Ale, sempre! 

Un abbraccio e a presto, nel frattempo ci si legge tra Instagram e Facebook. 


You may also like

Nessun commento:

Copyright © 2013 Crinzieacapo by Alessandra Crinzi. All rights reserved . Powered by Blogger.

Categories